Postagens

Mostrando postagens de Abril, 2016

I FESTINI

Imagem
Festini privati in cui circolano droga e sesso per giorni. Essere invitati è facile: “O sei amico di amici, o hai qualche conoscenza. Altrimenti ci sono appositi siti web. Permettono di contattare gli utenti più vicini e scambiare messaggi in chat. Ci si iscrive, si mette una foto anonima e poche indicazioni sul festino da organizzare. In pochi istanti si ricevono proposte che vanno dal semplice “Cerco sesso”, a pratiche di gruppo. Si arriva anche alle perversioni più estreme: “Voglio essere seviziato". Ma anche: “Facciamo Chemsex (sesso e droga)”. In questi festini si assumono massicce dosi di cocaina e ghb, la droga dello stupro. Questo cocktail con l'aggiunta di viagra permette di avere rapporti sessuali per giorni, senza sosta.

Il secchio è forse l’elemento più importante per la riuscita di una festa. Il secchio non solo diverte, ma dà l’occasione per rafforzare le amicizie, intorno ad esso nascono particolari momenti d’intimità, insomma, tiene tutti uniti. Il secchio è …

LE ORGE

Imagem
Per orgia si intende una cerimonia collettiva caratterizzata da comportamenti improntati all'eccesso e alla sfrenatezza, a base di elementi non necessariamente attinenti alla sfera sessuale, ad esempio da fattori quali l'esoterismo, la spiritualità ed altro.

Le orge presentano coincidenze con riti di fecondità e di rigenerazione del mondo agrario. L'orgia, "riattualizzando il caos mistico anteriore alla creazione, rende possibile il ripetersi della creazione. L'uomo regredisce provvisoriamente allo stato amorfo, notturno, del caos, per poter rinascere con maggiore vigore nella sua forma diurna". Nell'alternanza vita quotidiana-orgia (Saturnali, Carnevale, ecc.) si colgono la ritmicità della vita e la ciclicità del Cosmo che nasce dal caos e vi ritorna mediante una catastrofe.

Si trattava di antiche feste orgiastiche a sfondo propiziatorio del culto di Dioniso. Il nome è di origine romana e deriva da rituali dedicati al dio Bacco, ma la sua origine è più …

LA LAP DANCE

Imagem
Diffusi anche in Italia, ma meno pubblicizzati che all'estero, il locali di lap dance sono una realtà ben radicata nel mondo del divertimento notturno soft-porn.

La lap dance è un ballo erotico che la tradizione vuole inventato da un certo Arthur Charleston dopo un viaggio in Lapponia in cui scoprì le curiose danze locali eseguite dalle ragazze intorno a un palo. Ma a tal proposito non esiste niente di certo. E' certo invece che ciò che in Italia viene comunemente indicato con il termine di lap dance è in realtà la pole dance. La lap dance infatti non contempla l'uso del palo, ma vede le ballerine impegnate in un ballo erotico a distanza ravvicinata da un pubblico maschile che può toccarle e farsi toccare da loro. Nella pole dance la dinamica è simile, ma le ragazze solitamente interagiscono in modo sensuale e provocante con uno o più pali disposti su un apposito palco.

La lap dance è, nello specifico, una danza erotica, durante la quale lo spettatore, abitualmente maschi…

LA POLE DANCE

Imagem
La pole dance è un mix di ginnastica e danza con la pertica. Spesso erroneamente confusa con un'altra attività che non è sportiva ma ludica di intrattenimento, la lap dance praticata negli strip club.

Secondo fonti storiche la pole dance si è sviluppata nel Nord America durante gli anni della depressione del 1920. I circensi, cinesi nello stesso periodo storico già praticavano la loro arte danzante nei loro spettacoli itineranti, sembrerebbe appunto, che si siano intrecciati in questo periodo i vari stili praticati dunque sempre in spettacoli al circo acrobatico. Nel Nord America sembra che utilizzassero i pali dei tendoni per svolgere vere e proprie performance durante gli spettacoli itineranti. Non è ancora nota invece l'introduzione della pertica nei night club. Ma si suppone che sia un naturale evoluzione di questo che è uno sport, intrecciatosi con la cultura del divertimento e degli spettacoli Burlesque, vista la predisposizione all'uso di un palo per danzare in mod…

GIORNO DEL RINGRAZIAMENTO

Imagem
In Europa la celebrazione è conosciuta grazie ai film e telefilm di importazione in cui viene rappresentata spesso come l'occasione di riunirsi attorno al famoso tacchino per ringraziare (Dio, la vita, gli amici, i parenti) per ciò che si ha. La tradizione vuole che la cena venga sempre organizzata a casa, mai al ristorante, con familiari e amici.

Il Giorno del ringraziamento è una festa di origine cristiana osservata negli Stati Uniti d'America (il quarto giovedì di novembre) e in Canada (il secondo lunedì di ottobre) in segno di gratitudine verso Dio per il raccolto e per quanto ricevuto durante l'anno trascorso.

Questa storica tradizione, in origine di derivazione religiosa ma ora considerata secolare, risale a una celebrazione avvenuta nel 1621 e ripetuta in modo più documentato nel 1623. Quando fu effettuato il raccolto nel novembre 1623 William Bradford, Governatore della Colonia fondata dai Padri Pellegrini, a Plymouth, nel Massachusetts, emise l'ordine:

« Tutt…

L'ADDIO AL CELIBATO

Imagem
La tradizione dell'addio al celibato è antica.
Il rito sociale dell'addio al celibato è informato a uno spirito goliardico e vede la partecipazione dei più stretti amici del futuro sposo, tutti di sesso maschile. Tradizionalmente, l'addio al celibato è organizzato dal testimone dello sposo assieme alla cerchia degli amici più intimi.

Il senso di questo festeggiamento è il simbolismo di poter fare un'ultima notte da "single"; questo senso si intende che dal matrimonio in poi la vita si trasformerà in coppia.

Solitamente, sempre con questo spirito, lo svolgimento dei rispettivi festeggiamenti di nubilato e celibato, viene nascosto alla controparte, per mantenere lo spirito di " ultima notte celibe/nubile"

In Germania questa festa è chiamata Junggesellenabschied. Esiste anche un'altra festa che la coppia celebra congiuntamente prima del matrimonio chiamata Polterabend. In occasione del Polterabend, la notte prima del matrimonio, gli ospiti rompono…

L'ADDIO AL NUBILATO

Imagem
La tradizione della festa di addio al nubilato è derivata dalla ben più antica tradizione della festa di addio al celibato, una celebrazione simile organizzata dagli amici dello sposo per lo sposo poco prima delle nozze.

Si ritiene che l'esistenza di una festa in onore della sposa, simile a quella che già esisteva da tempo per lo sposo, possa essersi affermata durante la cosiddetta rivoluzione sessuale, negli anni 60. Feste di questo tipo erano comunque rare fino alla metà degli anni '80 e il primo libro che espressamente ne tratta è stato pubblicato nel 1998.

Il significato culturale di questa festa è in larga parte da ricercarsi nel concetto di uguaglianza di genere.

In un primo momento, il termine "addio al nubilato" era utilizzato solo per indicare feste in onore della sposa caratterizzate da manifestazioni di liberazione sessuale. Oggi questa definizione viene utilizzata per indicare ogni tipo di festa in onore della sposa organizzata dalla sue amiche.

Per far …

LE TRADIZIONI DEL PESCE

Imagem
Il primo d'aprile è una tradizione che, con sfumature e nomi diversi, vive in gran parte del mondo.

In Francia è poisson d'avril e richiama l'immagine del sole che, alla fine di marzo, lascia il segno dei Pesci per entrare in Ariete.

In Scozia, invece, il pesce d'aprile dura due giorni: il secondo giorno, chiamato taily day (giorno delle natiche), gli scozzesi si divertono attaccando sul fondoschiena del gawk, lo sciocco, un cartello con la scritta kick me (prendimi a calci).

Anche nel Sud-Est Asiatico ci sono tracce di questa manifestazione: la data però è diversa. In India per esempio, le danze iniziano il mese prima, il 31 marzo, durante una festa secolare chiamata huli dove è prassi prendersi gioco dei conoscenti facendo compiere loro peripezie inutili.

Dall'altro capo del mondo, invece, bisogna aspettare la fine dell'anno. Il 28 dicembre, in Messico, si festeggia il dia de los innocentes che nonostante ricordi la strage degli innocenti compiuta da Erode è…